Le conseguenze

9788854520042

Alla fine degli anni Sessanta il Minerva, nel Connecticut, è all’apparenza un college in tutto simile alle università della West Coast, in cui infuria la rivolta studentesca.
Come a Berkeley i ragazzi portano i capelli lunghi, jeans scoloriti e magliette psichedeliche. Nei dormitori fumano erba, ascoltando i Doors e i Buffalo Springfield. Il primo dicembre 1969, davanti a un minuscolo televisore in bianco e nero, in una stanza del college, tre di questi ragazzi, Lincoln Moser, Teddy Novak e Mickey Girardi, assistono, in trepida attesa, alla prima lotteria nazionale di reclutamento dei soldati che, estratti a sorte per giorno di nascita, vengono spediti in Vietnam. Come tutti quelli nati tra il 1944 e il 1950, i tre conoscono le possibilità che quel sorteggio riserva: morire di morte violenta in guerra, scappare in Canada o disertare e languire in una prigione degli Stati Uniti.
Al Minerva, i ragazzi sono noti per il profondo legame esistente tra loro. Tre moschettieri diversi eppure indissolubilmente uniti: Lincoln Moser, cresciuto in Arizona, è tanto bello da essere soprannominato «Face man»; Teddy Novak, figlio unico di due insegnanti d’inglese, è minuto, poco atletico e dalle ossa sottili; Mickey Girardi, che proviene da un quartiere operaio famoso per i culturisti, le Harley e le feste etniche, è grande più o meno come un armadio a muro.

Tre giovani moschettieri che, con il loro bellissimo d’Artagnan, Jacy Calloway, la ragazza della quale sono innamorati tutti e tre, formano un inseparabile e invidiato quartetto. La lotteria del destino è, tuttavia, in agguato, gravida, come sempre, di fatali e inarrestabili conseguenze.

In un fine settimana del Memorial Day del 1971, sull’isola di Martha’s Vineyard, dove i quattro amici si recano per trascorrere l’ultimo weekend prima della laurea, Jacy Calloway scompare. Svanita nel nulla, senza lasciare alcuna traccia di sè. Mickey per ritornare a quella misteriosa sparizione, quando, su invito di Lincoln, in un mite giorno di settembre, i tre si ritroveranno, ormai sessantenni, a Martha’s Vineyard. In un crescendo di tensione e sospetti, rievocheranno ogni parola o gesto di quel fine settimana di quarantaquattro anni prima, ignari del fatto che non vi è nulla di più pericoloso che riportare in superficie ciò che si riteneva sepolto per sempre.
A dieci anni dal suo ultimo libro, Richard Russo, uno dei grandi protagonisti della scena letteraria americana contemporanea, Premio Pulitzer con Il declino dell’impero Whiting, torna con un romanzo potente, un’opera che indaga «il sottile equilibrio tra decisione e destino, scelta e fatalità» (Guardian).

«Un romanzo sull’amicizia maschile, sui padri e sui figli, sui conflitti sociali e sugli amori che durano una vita». Kirkus Reviews

«Le storie di Richard Russo narrano della follia umana in un tono di sardonica comprensione che, nell’edificio dello stile americano, lo colloca su un sofisticato piano, tra la complessitα poetica di John Updike e lo sguardo gentile di Anne Tyler». Guardian

 

Richard Russo è nato a Johnstown, New York, nel 1949. Laureato all’università dell’Arizona, docente universitario al Colby College per molti anni, ha scritto opere che hanno riscosso grande successo di pubblico e di critica, tra le quali si segnalano Mohawk, Nobody’s Fool, portato sullo schermo da Paul Newman, Straight Man e, soprattutto, Empire Falls (Il declino dell’impero Whiting, Beat 2021), romanzo vincitore del Premio Pulitzer per la narrativa
nel 2002.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: -1 (from 1 vote)
Le conseguenze, 5.0 out of 10 based on 1 rating
  1. Francesca Maschietto says:

    Comincia con i soliloqui di tre amici in procinto di incontrarsi dopo più di quarant’anni.
    Man mano che le pagine avanzano ci addentriamo in un giallo denso ; alla fine si ricompone in una storia potente capace di mostrare variabili del destino umano sorprendenti ben ancorate al loro tempo . Quel che più colpisce tuttavia in ”Le conseguenze” di Richard Russo, apprezzato scrittore americano ora in uscita da Neri Pozza ,è l’originalità della costruzione.
    Teddy, Lincol e Mickey, americani della generazione di leva ai tempi della guerra del Vietnam, ci vengono presentati a monte di vite diverse . In comune hanno l’amicizia intensa degli anni al college, rafforzata dal lavoro per mantenersi agli studi e dall’amore segreto per la stessa ragazza Jacy, compagna di quel periodo. Si incontrano nella casa di uno di loro proprio dove si erano visti l’ultima volta e ciascuno a modo suo torna con la memoria a quel fine settimana di tanti anni fa. Manca la ragazza di cui non si è saputo più niente. Quell’assenza, finalmente posta a tema nell’interiorità di ognuno, scatena indagini vere e proprie nel caso del pragmatico Lincol, destabilizzazioni emotive nel caso di Teddy o impenetrabili comportamenti da parte di Mickey, il musicista fuggito per evitare di partire per il Vietnam.
    Uno dei pregi del romanzo è mostrare come il presente di ciascuno dei tre sia conseguenza di ciò che è venuto prima. Il confronto con i padri e le madri è vivo e prosegue anche dopo la morte senza nulla togliere ai geni a volte determinanti. Ma anche il caso ha il suo peso . Da un gesto istintivo derivano accadimenti impensati come se a decidere delle nostre vite non fossimo mai solo noi.
    Il lettore si trova immerso nel flusso di coscienza di ciascuno dei tre, in una posizione di intimità tale da conoscere i pensieri ancora prima delle azioni. Ha difronte a sé lo spettacolo del lavoro mentale messo allo scoperto tra memoria smangiata ed emozioni scoperchiate. Questa dimensione consente una compresenza di presente e passato che rende palpabile lo spessore del cambiamento.
    Come se fossimo veri invitati possiamo guardare all’uno e all’altro e apprendere via via il retroscena della storia.
    In una scrittura tanto fluida da sembrare liquida la maestria sta nel portarci a un soffio da quel che tutti stiamo aspettando e dribblare con disinvoltura lasciando al lettore un tempo supplementare per l’immaginazione.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. Tre ragazzi americani, Lincoln, Teddy e Mickey, si incontrano ultrasessantenni nello stesso posto, l’isola di Martha’s Vineyard dove, quarantaquattro anni prima, avevano trascorso l’ultimo fine settimana prima della laurea, quello del Memorial Day del 1971, un momento felice a cui aveva preso parte anche Jacy una compagnia di cui tutti e tre erano innamorati e che in quella circostanza scompare senza lasciare traccia.
    Attraverso un flusso di coscienza crescente vengono alla luce emozioni e fatti che erano rimasti nascosti per anni e il lettore, attraverso una costruzione originale, viene lentamente coinvolto nello sviluppo delle vicende e vive le emozioni di chi legge un romanzo giallo. Oltre alla vicenda in sé, all’autore va il grande merito di aver dimostrato, per convincere ulteriormente chi non lo volesse accettare, che le conseguenze della vita che ognuno di noi si trova a vivere sono quelle perché derivano da tutto ciò che è avvenuto prima e a cui non è possibile sfuggire. Nel racconto presente e passato si alternano e testimoniano i cambiamenti avvenuti. E il lettore partecipa a quegli accadimenti che ci raccontano, l’amicizia, il conflitto tra genitori e figli, i conflitti sociali, la guerra del Vietnam, come se stesse assistendo alla visione di una pellicola.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 4.0/5 (1 vote cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. Emanuela Dalla Libera says:

    C’è un andamento circolare nel nuovo romanzo di Richard Russo, c’è un luogo dove il cerchio si apre e si chiude, dove l’inizio e la fine della vicenda narrata tornano a combaciare quasi a voler trovare la quiete nel dipanarsi di una storia fatta di vite travagliate, un tempo lungo quarant’anni e angoli bui in cui si cerca di far luce per ritrovare l’innocenza originaria, il candore di una amicizia mai venuta meno, un sentimento d’amore condiviso e mai spento. Ci sono tre uomini adulti, stati ragazzi, e una ragazza che non è mai divenuta adulta perché il destino non glielo ha permesso, una casa, un prato, un vicino indisponente e violento, e tocchi di storia americana, i college di prestigio variabile a seconda di chi li frequenta, il Vietnam, la guerra che ha distorto la vita di una intera generazione, barbecue domenicali annaffiati di copiose casse di birra, marijuana e sballo, la crisi economica e finanziaria del 2008. Lincoln, Teddy e Mickey sono tre amici che di uguale hanno l’età, la frequentazione dello stesso college, la spada di Damocle della lotteria della nascita per andare in guerra e storie familiari in bilico tra blanda normalità e assenza. Divergono in tutto il resto, nell’aspetto fisico e nel carattere. C’è però un’altra cosa che li accomuna. Sono innamorati della stessa ragazza, un amore forte, totale, ma tenuto a bada per non incrinare un’amicizia che si rivelerà essere inattaccabile, nonostante il tempo trascorso, nonostante l’oscura storia che cadrà sui loro destini, nonostante i dubbi che incrinano le più sentite profferte di trasparenza e verità. Jacy è la ragazza bellissima che fa parte della loro esistenza, condivide l’amicizia, la fuga sull’isola di Vineyard, il disappunto per la chiamata alle armi e scomparirà misteriosamente lasciando il lettore in una sorta di sospensione pacata, mai spinta al limite di una suspense pruriginosa, inducendolo semmai a una trepidazione coinvolgente. La narrazione si snoda attraverso capitoli che, tessendo l’intera vicenda, focalizzano l’esistenza di ogni protagonista mettendone in luce le fragilità psicologiche, i rapporti con i genitori, la difficoltà generazionale di condividerne il pensiero e il modo di vivere. Continui flashback tengono desta l’attenzione come a voler scavare in un passato che ha l’unico scopo di riportare alla luce ciò che il tempo ha nascosto, ossia la scomparsa di Jacy, ma non solo, anche il suo passato sul quale lei ha tenacemente taciuto. E allusioni che spingono il tono della vicenda tutta su un piano di umano sconcerto, di coinvolgimento emotivo, di rispetto per l’accaduto.
    Sulle tracce di Jacy ognuno ritroverà se stesso e permetterà agli altri di conoscerlo meglio e di cementare quell’amicizia che rinsalderà il cerchio. Sul solco della storia antica la vita continuerà a scorrere con attori vecchi e nuovi, a sottolineare forse l’inarrestabile procedere del tempo che a volte la pietà e un affetto antico riescono a rendere più sopportabile.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. Lidia Friederich says:

    È un romanzo introspettivo. La realtà si dispiega attraverso i vissuti e i sentimenti dei personaggi. Tant’è che mi sembrava di leggere una versione asessuata di Sex & The City, ma tutta al maschile. La lettura è scorrevole nonostante i numerosi flashback, più o meno rilevanti al lettore.
    I tre protagonisti Lincoln, Teddy e Mickey sono ben introdotti dall’autore, sono legati da un’amicizia che dura negli anni anche se forze esterne cercano di contrastarla. Nel romanzo emergono le differenze di classe: il contrasto fra l’ipocrisia dei ceti alti e la genuinità di quelli più bassi. Il tema della guerra del Vietnam è solo accennato, sebbene in più punti. Poi la figura sconvolgente è la bellissima Jacy di cui tutti si innamorano ma che misteriosamente sparisce facendo ipotizzare il peggio. Il romanzo risolverà il mistero in un’amichevole confessione. Nella storia c’è molto alcolismo, forse anche come una silenziosa denuncia ai danni che fa.
    Mi sento vicina alla sincerità e bonta’ di Teddy, nonché alla sua marcata spiritualità.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. Giovanna - bookclub Milano says:

    Cosa c’è in questo bel libro?La prima lotteria delle date di nascita per i ragazzi che devono partire per il Vietnam. C’è il 1971 e poi il 2015.Ci sono tre amici che si ritrovano dopo 44 anni sull’isola dove avevano trascorso un w end anche con LEI.Lei che è scomparsa!Un intreccio di racconto tra i personaggi, il presente con il passato. Un continuo passare da un capo all’altro per arrivare alla fine e montare tutto il puzzle.Bello mi è piaciuto è stata un’ottima compagnia. Yacy nel❤️

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  6. Monica - Bookclub Milano says:

    Bello! Un libro che si legge d’un fiato non solo per scoprire cosa sia successo alla splendida Jacy di cui tutti sono innamorati, ma anche per conoscere questi 3 uomini le cui vite sono ‘le conseguenze’ delle loro famiglie, del college che hanno frequentato e dove si sono conosciuti e della lotteria della leva che segna in modo indelebile quello che sarà il loro futuro. Nei continui flashbask il lettore entra in confidenza con quello che questi uomoni sono diventati, con la loro forza ma soprattutto con le loro fragilità. e sarà dunque durante questo 2° weekend a casa di uno di loro sull’isola di Matha’s Vineyard, dopo più di 30 anni dopo quello che aveva segnato in modo irreparabile le loro vite, che ci sarà una chiusura del cerchio. Tanti i temi trattati…è come se fosse un riassunto della storia d’America degli ultimi 50 anni. Una lettura molto piacevole ma che lascia tante porte aperte all’immaginazione e all’approfondimento. CONSIGLIATO!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  1. Non ci sono ancora trackbacks per questo post.

Lascia un commento

Please type the characters of this captcha image in the input box

Please type the characters of this captcha image in the input box


© 2021. Bookclub Neripozza. All rights reserved. web agency web agency urbangap