Attenti al Book Club!

Il nostro gruppo del lunedì si è riunito per la seconda volta e mi è parso che la timidezza e le riserve iniziali abbiano lasciato il posto alla voglia di esserci, con impegno e con quanta più competenza possibile.

Attenta Neri Pozza, perché mi sembra che qui si faccia sul serio!

Mi sono molto divertita a sentir parlare di libri fatti a fette, smontati, letti, riletti, rivoltati. Un membro del gruppo ha detto: «Certo che siamo dei lettori un po’ difficili!» e AnnaRita, la nostra coordinatrice, ha replicato: «Un po’? Io direi lettori difficili e basta, senza un po’». Ho visto copie piene di annotazioni, sciupate, gonfie di segnalibri e di orecchie agli angoli delle pagine.

Personalmente ho bocciato senza tanti scupoli la seconda opera in discussione, Il mondo di Belle. Ho espresso perplessità sulla contestualizzazione storica, sullo stile della Grissom, su una narrazione che tanto ha dello story-telling e poco del writing. Nessuno della Neri Pozza mi ha fatto pervenire commenti, per altro leciti, del tipo: «Come ti permetti? Non hai le competenze per esprimere critiche tanto severe. Vacci piano!». Nessuno, inoltre, è presente in rappresentanza della casa editirce alle riunioni del gruppo. Lo dico a chi segue il blog dall’esterno, perché mi sembra indicativo di un progetto che si è proclamato fin da subito sperimentale, libero, in divenire e lo è davvero.

Non sappiamo bene dove stiamo andando, noi del Book Club, ma di sicuro la Neri Pozza avrà il suo bel da fare, un bel po’.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
  1. Non avevo notato questo spazio, confesso…Il post non ha autore nè data. Credo sia opera, ormai datata, di un lettore della prima “serie”, quindi milanese; a noi romani, in attività da ottobre ’14, quel titolo non è stato proposto.
    Intervengo per sollecitarne l’uso. Il rapporto tra la casa editrice e i membri dei bookclub potrebbe avvantaggiarsene, divenendo più rapido e diretto.
    Anche il nostro gruppo, coordinato da Giueppe Fantasia, conta lettori piuttosto “difficili”, che si sono espressi senza remore su alcuni romanzi poco graditi. I giudizi sulle singole opere ne danno ampia testimonianza.
    L’esigenza di un confronto con la casa editrice è stata manifestata in varie occasioni: il 28 aprile u.s. si è svolto un incontro con il direttore Russo. Ero in viaggio e non ho partecipato; dai resoconti si ricava un nutrito scambio di opinioni chiarificatrici.
    Sono però reduce da salone di Torino dove Paolo Giordano ha presentato il romanzo breve di Robert Seethaler “Una vita intera”. Il testo aveva suscitato nel gruppo opinioni contrastanti: penso che le risposte dell’autore avrebbero “addolcito” molti detrattori. Pur apprezzando il taglio della vicenda e la profondità della scrittura, io stessa l’avevo giudicata un po’ troppo costruita: ben corrisponde invece alla personalità di Seethaler.
    Lo stand di Neri Pozza era molto affollato; presente Wanda Marasco.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  1. Non ci sono ancora trackbacks per questo post.

Lascia un commento

Please type the characters of this captcha image in the input box

Please type the characters of this captcha image in the input box


© 2019. Bookclub Neripozza. All rights reserved. web agency web agency urbangap