Arriva Enon! In attesa di brindare con Paul Harding

Paul Harding Sette Corriere della Sera 30/05/2013 parte 1Paul Harding Sette Corriere della Sera 30/08/2013 parte 2

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Arriva Enon! In attesa di brindare con Paul Harding, 10.0 out of 10 based on 1 rating
  1. In arrivo il secondo e finalmente meritevole di un\’attenta lettura romanzo di Paul Harding. Bruciatosi con un Pulitzer non ben calibrato e dato via come fosse una spilletta delle girlscout a \”L\’ultimo inverno\”. \”Enon\” può essere salutato come un un romanzo di forma impeccabile (salvo poche sbavature) che conferisce a Paul Harding il valore che merita tra gli autori statunitensi. Una costruzione narrativa incredibilmente avvincente (che mancava in \”L\’ultimo inverno\” e molti lettori lo hanno lascito a metà, giustamente) e un svolgimento della trama brillante e di grande intelligenza artistica.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  2. chiara.macconi says:

    L’America del New England, un paese con un nome che si nega, Enon (None), un uomo senza molte ambizioni e competenze, un mite lettore di tomi di ogni genere, un giardiniere-imbianchino factotum che aveva riversato nell’amore per la figlia Kate la sua ossessione di storia della famiglia:
    ecco, quest’uomo, un giorno d’estate viene a sapere della sua morte accidentale e il mondo crolla davanti e intorno a lui. Rimasto completamente solo, può solo avanzare nell’ossessione del ricordo, continuo, scavato a fondo, di ogni piccolo dettaglio che lo congiunga alla ragazza, nel cullare quell’idea di dolce passato e di infelice presente.
    Siccome chi vive questa avventura è un IO – narratore in prima persona – il lettore è proiettato in questo dolore sconvolgente fin dalle prime righe, bellissime e fulminanti, attraversa le paludi dei mesi fino alla fine di quell’anno horribilis, quando, dall’abisso della solitudine, dell’abbandono, della droga e dell’alcol, finalmente emerge, senza epifania.
    Ma quell’indagare su tutto e su tutti, pieno di dettagli sembra mancare di feeling, di emozioni; eppure la sua lingua è risonante di metafore e cosa sono le metafore se non l’unico modo di descrivere emozioni e sentimenti?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 3.0/5 (1 vote cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  3. Paola says:

    Chiara sono idiota e non so perché invece di un i like viene fuori che ti ho messo un i dislike, invece le tue riflessioni mi piacciono molto!!!! che era il motivo per cui avrei vokuto mettere 5/5 e non 3/5 ma questo inflessibile blog non mi fa modificare più niente :)
    Va beh, tanto tra noi ce lo siamo già dette!
    Felice tempo di Avvento a te a che ci legge!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  1. Non ci sono ancora trackbacks per questo post.

Lascia un commento

Please type the characters of this captcha image in the input box

Please type the characters of this captcha image in the input box


© 2019. Bookclub Neripozza. All rights reserved. web agency web agency urbangap