Odessa star -mi è piaciuto?

Questa è forse la domanda più importante:mi è piaciuto questo libro? La mia prima risposta è stata “No, assolutamente no”.

Il libro è scritto molto bene, lo si legge in un attimo, anzi bisogna darsi unaregola per non leggerlo tutto d’un fiato. La storia di Fred, eterno adolescente di 47 anni,  è sconvolgente: Incontra il suo vecchio compagno di scuola  MAx e immediatamente stabilisce con lui un rapporto di dipendenza. Fred dice cosa gli ddà fastidio e Max elimina il problema, alla radice.

Fred è la somma di tanti elementi diversi, tutti sconvolgenti: L’autore ci fa entrare in una spirale di violenza incredibile ed il lettore inizia a guardarsi intorno ed a chiedersi se può succdere anche a lui.

Forse mi è piaciuto,  sicuramente mi ha colpito e sconvolto. La lettura è forse necessaria per aprire gli occhi sul degrado possibile o probabile, al di

là della apparenza. Come non ricordarsi Cecità di Saramago?

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
  1. con gli occhi aperti è più facile vedere l’orlo dell’abisso e fermarsi prima. Se un libro ci sa far rimanere vigili, a me sembra un buon libro ;)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  2. Valeria says:

    A me il libro è piaciuto. Molto, oserei dire. Per il ritmo “cinematografico” e incalzante, per le immagini che ha illustrato (squallide e fastidiose, è vero, ma così forti e incisive), perchè è uno spaccato di ciò che si potrebbe essere senza il costrutto di certi principi. E’, in fondo, la descrizione di una buona parte della società!
    Quello che esce dal libro non è sicuramente nè un bel messaggio nè un buon personaggio eppure, la lettura del libro è così incalzante e i personaggi così fastidiosi che non riuscivo a smettere di leggere.
    Consiglio vivamente la lettura di questo libro.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  3. Simona Grossi says:

    Anch’io più leggevo questo libro e più provavo disgusto per Fred, uomo freddo e cinico, che disprezza la vita nelle sue forme più deboli, rappresentate da una vecchietta vicina di casa o da un bambino portatore di handicap. Più la storia andava avanti e più intravedevo, però, lo sconforto del protagonista nel non riuscire più a comunicare né con sua moglie né con suo figlio. Il fatto che abbia iniziato a correre, che abbia comprato una jeep Cherokee invece di una utilitaria etc., mi sono apparsi solo come futili tentativi per ritornare ad essere interessante agli occhi dei suoi familiari. Per ritornare ad essere “visto” e apprezzato. Non a caso, i due momenti in cui ha provato una stato di contentezza sono gli unici che in cui si è avvicinato alla moglie (quando questa si è presa cura di lui dopo il pestaggio) e al figlio (durante la conversazione per la scelta della macchina).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  1. Non ci sono ancora trackbacks per questo post.

Lascia un commento

Please type the characters of this captcha image in the input box

Please type the characters of this captcha image in the input box


© 2019. Bookclub Neripozza. All rights reserved. web agency web agency urbangap